Pulsantiera di navigazione Home Page
Servizi

Mediazione familiare per coppie in crisi

La Mediazione Familiare è un’attività professionale che aiuta la coppia in crisi a trovare una nuova armonia, sia nella scelta di continuare a stare insieme, sia nella decisione di separarsi.
 

Fotografia
(secondo il modello proposto dall’AEMEF - Associazione Europea Mediatori Familiari)

Supporta la coppia nel trovare un nuovo equilibrio e nella gestione della conflittualità.

Nella separazione aiuta le parti a recuperare la funzione genitoriale e giungere ad accordi condivisi.

La Mediazione tutela i figli, vittime inconsapevoli, evitando che ricadano su di loro gli effetti dei conflitti dei genitori.
La disciplina sull’affido condiviso introdotta dalla legge 8 febbraio 2006 n. 54, stabilisce che, in caso di separazione, è prioritario l’obbligo di affidare i figli ad entrambi i genitori.

La mediazione familiare consiste nell’intervento di un terzo neutrale che aiuta la coppia in separazione a ristabilire una comunicazione interrotta per permettere di arrivare all’accordo di separazione.
Chi è il Mediatore Familiare A.E.Me.F.?
Il Mediatore familiare è una persona dotata di conoscenze tecniche specifiche e di capacità professionali che interviene, nel momento di disgregazione della coppia, per accompagnare i partner verso la ristrutturazione di un rapporto di comunicazione che ha la finalità di condividere la genitorialità, nell’interesse dei figli.
Il Mediatore familiare A.E.Me.F. è qualificato a seguito di un corso di specializzazione  della durata di un anno (180 ore, di cui almeno 30 di supervisione). Deve avere già conseguito  un Master in Counseling triennale ( 450 ore ) o essere Psicoterapeuta.
Inoltre il Mediatore familiare A.E.Me.F. è tenuto ad un continuo aggiornamento sulle  tematiche dei  conflitti di coppia e sugli aggiornamenti del “Diritto di famiglia”.

 Come si svolge la Mediazione?
 Attraverso:
- La costruzione di uno spazio-tempo nel quale ciascun partner possa  riconoscere l’altro;
- Il riaddestramento alla comunicazione corretta e all’empatia reciproca;
- La neutralizzazione dei problemi latenti rispetto al conflitto presente;
- La ristrutturazione della relazione familiare;
- La condivisione dei bisogni dei figli;
- La stesura di un accordo che possa essere recepito dal contesto legale.
 
Perché è utile ?
E’ utile affinché…
… il conflitto diventi occasione di crescita e non di danno reciproco;
… ciascun componente della famiglia possa soddisfare i propri bisogni nel modo migliore;
i figli non siano più le vere vittime dei conflitti di coppia;
… i tribunali e gli avvocati possano dedicare più tempo ai casi complessi che solo il Giudice può risolvere;
... le coppie ancora unite che sentono la situazione conflittuale senza via d’uscita e che hanno maturato la scelta della separazione possano trovare una soluzione equilibrata ai loro problemi;…
le coppie che vogliono rivedere e aggiornare gli accordi precedenti possano adeguarli alle mutate esigenze.
 
Da chi è praticata?
Da professionisti qualificati formati dall’A.E.Me.F che:
-  Conoscono le dinamiche psicologiche  del rapporto di coppia e del conflitto coniugale;
- Sono in grado di essere neutrali, ma emotivamente vicini ad entrambe le parti;
- Conoscono il valore positivo e formativo dell’autodeterminazione, della decisionalità e della progettualità;
-  Sanno accogliere il conflitto e rinunciare a priori ad imporre  il proprio punto di vista;
-  Non dimenticano mai le ricadute del conflitto e degli accordi sui figli;
- Sanno distinguere l’obiettivo della  loro opera da quella dell’Avvocato.
Stampa la pagina
Specialista dello Studio 3 Psi che offre il servizio di:
Mediazione familiare per coppie in crisi